CISL ROMAGNA

Ultime News

  • Home
  • News
  • News
  • Stop al sistema che nega i diritti dei lavoratori e valorizza solo il profitto

Oggi sciopero sanità privata

16 settembre 2020

I lavoratori della sanità privata questa mattina dalle ore 10:00 saranno in presidio regionale unitario a Bologna sotto la sede di Confindustria Emilia-Romagna.

"I lavoratori sono stanchi dei giochetti al rialzo dei datori di lavoro. - dichiara Mario Giovanni Cozza segretario generale CISL Funzione Pubblica Romagna - Si tratta di un comportamento grave, scorretto e senza precedenti di Aiop e Aris. Dopo 14 anni senza rinnovo contrattuale, le due associazioni, che raggruppano i datori di lavoro della sanità privata, benché avessero firmato la pre-intesa per il rinnovo del contratto lo scorso 10 giugno, non si sono poi presentate al tavolo per la sottoscrizione definitiva, negando quindi ai lavoratori del settore le garanzie e le tutele che già spettano ai colleghi della sanità pubblica".

"Sono oltre 1500 gli addetti nelle province di Forlì- Cesena, Ravenna e Rimini ed è vergognoso che ai lavoratori di un settore così fondamentale per la salute dei cittadini e gestito da società con fatturati da capogiro, venga negato un contratto di lavoro da 14 anni.
Non permetteremo che si avalli ancora un sistema - conclude Mario Giovanni Cozza - che valorizza le casse degli imprenditori della salute a discapito dei diritti dei lavoratori. Lotteremo, se necessario, anche per modificare il sistema degli accreditamenti delle strutture private che erogano i servizi sanitari”.

Altre News

Rimini Forlì Cesena Ravenna Faenza

NO al contratto sbagliato

NO al contratto sbagliato
Rimini Forlì Cesena Ravenna Faenza FP

Sanità privata: il 25 settembre...

Sanità privata: il 25 settembre Aiop voterà la preintesa
Rimini Forlì Cesena Ravenna Faenza

Per quanto i licenziamenti...

Per quanto i licenziamenti siano bloccati, che cosa succederà quando il blocco finirà?
Rimini Forlì Cesena Ravenna Faenza

Tagliare le tasse alle lavoratrici...

Tagliare le tasse alle lavoratrici e ai lavoratori per lo sviluppo l'occupazione e la crescita del paese

Link utili