CISL ROMAGNA

Ultime News

  • Home
  • News
  • News
  • “Da donna a donna, da cielo a cielo, uno sguardo fuori per guardarsi dentro”

Contributo a fondo perduto per imprese e lavoratori autonomi titolari di partita IVA

18 giugno 2020

È un contributo erogato dall’Agenzia delle Entrate, esente da tassazione e senza obbligo di restituzione, commisurato alla riduzione del fatturato a causa dell’emergenza Coronavirus.

A CHI SPETTA?

A coloro che nel 2019 non abbiano avuto ricavi o compensi superiori a 5 milioni di euro; inoltre necessario che sia presente almeno uno tra i seguenti requisiti:

  1. L’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 sia inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019;
  2. l’attività sia iniziata a partire dal 1 gennaio 2019;
  3. domicilio fiscale o sede operativa situati nel territorio di Comuni colpiti da eventi calamitosi (sisma, alluvione, crollo strutturale), i cui stati di emergenza erano in atto alla data del 31 gennaio 2020.

A CHI NON SPETTA?

  • soggetti la cui attività sia cessata alla data di richiesta del contributo;
  • soggetti che hanno iniziato l’attività dopo il 30 aprile 2020, con l’eccezione delle partite Iva aperte dagli eredi per la prosecuzione dell’attività dei deceduti;
  • enti pubblici;
  • intermediari finanziari e società di partecipazione;
  • professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria (cosiddette casse previdenziali);
  • soggetti che hanno diritto alla percezione delle indennità di 600€ previste dagli articoli 27 (bonus professionisti) e 38 (bonus lavoratori dello spettacolo) del decreto legge n.18 del 17 marzo 2020 (cosiddetto decreto “Cura Italia”).

IL VALORE ECONOMICO DEL CONTRIBUTO?

L’ammontare del contributo è determinato applicando una diversa percentuale alla differenza tra l’importo del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 e l’analogo importo del mese di aprile 2019.

Le percentuali previste sono le seguenti:

  • 20%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono inferiori o pari a 400.000 €
  • 15%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano i 400.000 € ma non l’importo di 1.000.000 €
  • 10%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano 1.000.000 € ma non l’importo di 5.000.000 €

Il contributo è comunque riconosciuto per un importo non inferiore a 1.000 € per le persone fisiche e a 2.000 € per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

INFORMAZIONI NECESSARIE

  • Codice fiscale del soggetto che richiede il contributo
  • Iban intestato al soggetto che richiede il contributo
  • Il valore dell’ammontare dei ricavi/compensi complessivamente percepiti nel 2019
  • l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi dei mesi di aprile 2019 e aprile 2020

Per informazioni rivolgiti a SAPI CAF Cisl

Altre News

Rimini Forlì Cesena Ravenna Faenza FISASCAT

Contratto multiservizi: oggi...

Contratto multiservizi: oggi manifestazione nazionale

Link utili