CISL ROMAGNA

Ultime News

Infortuni da Covid-19: in Romagna 957 denunce presentate all'INAIL

22 giugno 2020

Il 66% degli infortuni è toccato a lavoratori impiegati nella sanità pubblica e privata e nell'assistenza sociale agli anziani nelle case di riposo. Le più colpite sono state le persone in prima linea, mentre i comparti industriale e commerciale hanno avuto decisamente meno casi.

In Emilia Romagna tra i tecnici della salute le maggiori denunce di contagio covid19 provengono da infermieri, mentre tra le professioni nei servizi sociali e sanitari il 99,6% sono gli OSS i più colpiti. Purtroppo anche nei decessi a seguito di denuncia di infortunio da covid (su un totale di 14 in ER, 1 a Ravenna) oltre la metà riguardano medici infermieri e operatori sanitari.

“Dai dati risulta chiaro come gli infortuni da covid 19 riguardino soprattutto le donne, in Romagna su 957 denunce, 681 provengono da donne (quindi il 72%). “Questo è spiegabile - afferma Francesco Marinelli Segretario generale della CISL Romagna - dal fatto che le professioni più colpite e più a contatto con il virus sono prevalentemente svolte da donne. Il 66% degli infortuni infatti proviene da lavoratori impiegati nella sanità e nell’assistenza sociale, a seguire i lavoratori della Pubblica Amministrazione 19% e 1,6% invece nel commercio”.

Comunicato stampa

Rassegna stampa

Altre News

Link utili