CISL ROMAGNA

Ultime News

  • Home
  • News
  • News
  • Devi fare domanda per BONUS COLF E BADANTI o REDDITO DI EMERGENZA?

Officine FS Rimini: il Gruppo FS rispetti i patti

30 ottobre 2020

Cgil. Cisl e Uil sono molto preoccupate per la situazione dei due impianti di Rimini e Bologna. Contestualmente all’impegno che viene richiesto alla Regione Emilia Romagna contenuto nel comunicato, le organizzazioni di categoria provinciali chiedono un impegno altrettanto forte da parte del Comune di Rimini che non può restare indifferente rispetto al ridimensionamento, se non addirittura alla chiusura, delle storiche Officine OGR.

“Nella Regione Emilia Romagna risiedono due storiche ed importanti realtà di manutenzione dei rotabili che, sia dal punto di vista delle dimensioni che dal punto di vista delle professionalità, si collocano a pieno titolo nel reticolo manutentivo del gruppo FS. Come organizzazioni sindacali regionali abbiamo sottoscritto due accordi specifici l’anno scorso che hanno riguardato questi due impianti.
Il primo accordo riguardava l’OMCL di Rimini che ha modificato l’organizzazione del lavoro introducendo i turni, cioè offrendo una disponibilità oraria manutentiva maggiore a fronte di un impegno a investire per la trasformazione dell’impianto, vista la progressiva uscita di scena dei locomotori Diesel, per migliorare sia come quantità che come qualità della produzione.

Il secondo riguarda i carichi di lavoro, la produzione e l’organico dell’OGR di Bologna che, dopo essersi salvata dalla chiusura totale, si è specializzata nella manutenzione dei componenti.

Nelle settimane scorse abbiamo però scoperto, nostro malgrado, che per Rimini nei piani manutentivi nazionali non si prevedono investimenti e per Bologna, nelle previsioni aziendali, non sono considerate le ore previste dagli accordi.

Questi impegni non sono stati rispettati per l’assenza di un gruppo dirigente e di un piano industriale in grado di sviluppare e riorganizzare la manutenzione così da migliorare la qualità del trasporto. Ci ritroviamo quindi costretti ad attivare le procedure di raffreddamento per porre al centro dell’attenzione del territorio e delle istituzioni, il rispetto dei contenuti degli accordi che se non rispettati mettono a rischio la prospettiva ed il futuro degli impianti e di tutti i lavoratori che ci lavorano.

Siamo fortemente preoccupati per la tenuta occupazionale e per il futuro del settore nella nostra regione, e consegniamo questa preoccupazione nelle mani delle istituzioni locali. Chiediamo in particolare un intervento forte della Regione affinché l’Emilia-Romagna non perda le conoscenze e le professionalità di centinaia di lavoratori, ossia una parte importante del suo tessuto industriale.”

FILT GCIL, FIT CISL, UILT UIL

Altre News

Rimini Forlì Cesena Ravenna Faenza FP

Lettera della Segretaria generale,...

Lettera della Segretaria generale, Annamaria Furlan
Rimini Forlì Cesena Ravenna Faenza FEMCA

Siglata l’ipotesi di accordo...

Siglata l’ipotesi di accordo per il rinnovo del contratto della ceramica
Rimini Forlì Cesena Ravenna Faenza

Nuova sede di Faenza

Nuova sede di Faenza

Link utili