CISL ROMAGNA

Ultime News

Cesena: preoccupazione per la tenuta occupazionale dei lavoratori più fragili

18 gennaio 2021

"Per l’ennesima volta pare che i bandi di gara indetti da Intercenter, per l’assegnazione di appalti nella Pubblica Amministrazione, vedano l’assegnazione al massimo ribasso prevalere sul valore della buona occupazione".

Con un comunicato congiunto FP Cgil, FISASCAT Cisl e Uil FPL hanno richiesto urgentemente un incontro alla Amministrazione Comunale di Cesena su un possibile cambio di appalto che vede coinvolti numerosi lavoratori, fra cui un significativo numero di lavoratori svantaggiati. L’appalto comprende diversi servizi comunali, gestiti ad oggi dalla Cooperativa Sociale CILS e Il Mandorlo.

FP Cgil, FISASCAT Cisl e Uil FPL nutrono, pertanto, forte preoccupazione per la tenuta occupazionale soprattutto dei lavoratori più fragili con svantaggi fisici e pscichici. Poiché, mentre oggi si trovano pienamente inseriti in un contesto occupazionale tutelante, se la perdita di appalto da parte di Cooperativa CILS e Il Mandorlo fosse confermata, si ritroverebbero in capo ad una Cooperativa di Servizi e non più una Cooperativa di stampo sociale. Una situazione critica, che si inserirebbe peraltro in un momento molto difficile per tutto il tessuto economico e sociale, ancor più difficile per quelle aziende a piena valenza sociale come le Cooperative di inserimento lavorativo. Anche laddove, infatti, si dovesse optare per un subappalto, da sempre contestato dalle Organizzazioni Sindacali e non più previsto, almeno sulla carta, nel Patto per il Lavoro sottoscritto a livello Regionale, questo subappalto vedrebbe comunque verosimilmente una significativa perdita di fatturato con ripercussioni economiche e di inserimento lavorativo per le Cooperative Sociali coinvolte.

"Auspichiamo, pertanto, una soluzione veloce, condivisa e positiva della ennesima situazione di tensione, che potrebbe essere stata ingenerata ancora una volta da Intercenter nell’ambito della gestione di appalti. Oramai l’assegnazione dei servizi e la vincita o meno di appalti è demandata ad algoritmi e meri risparmi economici, che nei fatti si traducono in esorbitanti costi sociali".

Corriere Romagna

Il Resto del Carlino

Altre News

Link utili