Skip to main content

Fontanot S.p.A.: ritirati i licenziamenti


Tag: ,

23 febbraio 2024

Fontanot S.p.A.: ritirati i licenziamenti

Mercoledì 14 febbraio, su convocazione dell’Assessore al Lavoro della Regione Emilia-Romagna Vincenzo Colla, si è tenuto a Bologna il tavolo a salvaguardia dell’occupazione per Fontanot S.p.A. Presso la sede dell’assessorato hanno partecipato all’incontro, oltre all’Assessore Vincenzo Colla, la Consigliera provinciale con delega al lavoro Alice Parma (in collegamento), il Sindaco di Coriano Gianluca Ugolini, il Curatore della Fontanot S.p.A. Dott. Alessandro Bonfè, oltre alla delegazione sindacale composta da Giuseppe Ledda, Renzo Crociati, Andrea Pracucci, Mauro D’Accardi per FILLEA CGIL, Roberto Casanova per FILCA CISL, Giuseppe D’Alvano per FENEAL UIL.

La mancanza di autorizzazione del Giudice delegato al Curatore al subentro dei rapporti di lavoro nella procedura, aveva precluso la possibilità agli ammortizzatori sociali e provocato il prosieguo dello stato di agitazione dei lavoratori, culminato con il presidio sindacale del 31 gennaio 2024 davanti ai cancelli dell’azienda.
Il 14 febbraio tutte le parti al tavolo hanno proposto al Curatore Dott. Alessandro Bonfè il ritiro dei licenziamenti, a fronte della richiesta di attivazione di una Cassa integrazione straordinaria per cessazione attività, che andasse a coprire retroattivamente il reddito dei lavoratori dal 4 dicembre 2023 (data del fallimento). L’Assessorato ha inoltre garantito per i lavoratori Fontanot S.p.A. la permanenza del Tavolo di crisi ove necessario e l’attivazione delle politiche attive a sostegno di formazione e reingresso nel mondo del lavoro.

L’accordo che chiude la “vertenza Fontanot”
Ieri, 22 febbraio 2024, dopo la trasmissione formale delle richieste del tavolo regionale al Giudice delegato, da parte del Curatore, è stato siglato un accordo che di fatto chiude positivamente la vertenza, con il ritiro del licenziamento collettivo e l’attivazione dell’ammortizzatore sociale.

La tenacia con cui i lavoratori della Fontanot, hanno difeso un loro diritto, e la loro dignità hanno reso possibile il conseguimento di un risultato importante per l’intero sistema economico territoriale. La rete attivata grazie al Patto per il Lavoro ed il Clima della Regione Emilia-Romagna, coordinata dall’Assessore Vincenzo Colla, ha determinato una positiva gestione della situazione di crisi; a dimostrazione che con l’azione sindacale e la buona politica è possibile contrattare tutele sociali che diano risposte ai lavoratori, anche di fronte alla inevitabile chiusura di una attività imprenditoriale.

FILLEA CGIL RIMINI – FILCA CISL ROMAGNA – FENEAL UIL RIMINIFILLEA CGIL EMILIA ROMAGNA – FILCA CISL EMILIA ROMAGNA – FENEAL UIL EMILIA ROMAGNA



Condividi sui social!
Notizie correlate