Skip to main content

La parità di reddito nel lavoro femminile: ancora un’illusione nel Ravennate del 2024


Tag: ,

11 Marzo 2024

Lavoro o figli? Molte, anche nella provincia di Ravenna devono scegliere. Anche sulla base del bilancio familiare. Nel 2024 nel ravennate il tema della parità reddituale tra uomini e donne è ancora un miraggio. A fornire al “Il Piccolo di Faenza” una panoramica sul tema è Elena Fiero, segretaria Cisl Romagna.

Il reddito medio di una donna si attesta a 16.550 euro mentre quello medio maschile raggiunge i 25.745 euro. Con un divario del 35,7% circa. Il divario reddituale tra uomini e donne ha radici anche nella percentuale elevata di part-time femminile, nella precarietà delle assunzioni durante l’età fertile e nel lavoro discontinuo legato alla maternità e al lavoro di cura familiare». Molte donne, purtroppo, sono ancora costrette a scegliere tra carriera e la maternità.

«Stando al report dell’Osservatorio statistico per la parità di genere della provincia di Ravenna (al quale come Cisl stiamo collaborando) nel 2022 – spiega Fiero – il tasso di occupazione maschile era dell’82,9%, mentre quello femminile si attestava al 68%, con una differenza di genere del 14,8%. È importante notare che questi numeri sono migliori rispetto alla media nazionale, che registra un tasso di occupazione maschile del 74,7% e femminile del 55%».

Leggi l’intervista integrale su “Il Piccolo di Faenza



Condividi sui social!
Notizie correlate